Plaid Bamboo coat

Schermata 2019-01-09 alle 22.50.01.png

Pattern: Bamboo coat by Waffle Patterns
Size: 38
Alterations: I omitted the back shoulder darts and just absorbed them as ease in the shoulder seam; I modified the sleeves to match the print and shortened them by 3cm
Fabric: Plaid wool mix from Tessuti.com + red poly lining and faux leather for pockets from my stash

I’ve always had a huge soft spot for outerwear; I have more coats than I can put in rotation every winter and yet, I still drool over outerwear patterns (like here) or RTW jackets I want to copy.
Anyway, after sewing outerwear for a living for three years, after I resigned last Autumn, one of the first things I decided to sew for myself was a coat.

I wanted a relaxed, masculine shape, so I chose the Bamboo coat pattern by Waffle Patterns, which I have wanted to try for a long time, since their designs look so professional and detailed.

This design features a regular/loose fitted coat, straight silhouette with a back vent, optional hidden button stand, slanted welt pockets or patch pockets, 2 options for hem and sleeve length, 2 options for collar design (tailored collar or round neck), and separate pattern pieces for the lining.
I chose the longer length with the hidden button stand, slanted welt pockets and tailored collar.

Because I’ve wanted a black and white checkered coat forever, I chose a rather inexpensive wool mix from tessuti.com (I believe this is the UK version), which ended up being an ok choice. It’s not great quality (you get what you pay for), but it does the job, it’s not super warm but it’s actually quite nice when worn.

How I modified the sleeve


The fact I chose a patterned fabric also posed a second challenge for me: pattern matching! I don’t have the best record on this matter, because 1. I’ve never really educated myself properly on the matter before making this coat and 2. I get rushed and impulsive when cutting fabric, which is the kiss of death when dealing with prints and patterns.
But not this time! I was a very good girl and planned ahead. First of all, I watched a great Craftsy class that I mentioned in my last post, Perfect Pattern Matching: Plaids, Stripes & Beyond with Amy Alan. It was incredibly helpful to not only plan how to cut this fabric, but also to get tips on how to baste it and sew it. I recommend it wholeheartedly.
In the end, I decided to have a darker stripe along the center front (which looks mismatched in some photos, but I promise it’s not!) and center back (which doesn’t look awesome because of the way the back seam is shaped, but it’s ok). I matched the stripes horizontally at the side seams below the darts and at the front sleeve notches. Yuki of Waffle Patterns was incredibly kind to help me figure out how to modify the sleeves in order to match the stripes at the elbow seam. With her advice, i separated the sleeve in two by creating an underarm seam, and then modified the grainline so that my stripes would match.

In this photo, you can (hopefully) see the double layer of interfacing, as well as a strip of interfacing I used for the roll line of the lapel.

When it came to cutting, I realized that this fabric had way less body than I expected, so I used light interfacing on the whole thing, sleeves included. I then went in with a second layer of heavier interfacing for the upper bodice (front and back), the facings and the hem.
Credit where is due: this pattern has some of the best instructions for interfacing that I’ve ever seen, and it’s one of the closest to what I’ve seen in professional tailoring.

While I’m gushing about the instructions, here are a few more things I really liked about this pattern:
- Seam allowance is included in the pattern, but seam lines are also marked. I really wish it was the standard for any sewing pattern. It makes everything so much clearer and alterations are faster.
Moreover, the pattern file is layered, so you have the option to only print the size(s) you need. However, if like me, you despise taping tiled pdf patterns together and choose the copyshop version, be prepared to get a little cross-eyed when tracing, especially with the lining pieces. In any case, the copyshop version is my recommended choice because of the huge amount of pages in this pattern. I relied on Mark and Su of Patternsy; you can go to the end of the post for a discount code!

- There is an abundancy of tacks and marks: having worked with industrial patterns, this is something I really appreciate. Having lots of markings on a pattern means less chances of confusing pattern pieces, sewing stuff in the wrong place, or having pieces that don’t match.
This pattern takes it a step further, marking break lines for the lapel and collar. I was so happy about this! I used a strip of interfacing for the lapel roll line and I sewed in some seam tape on the collar roll line of the undercollar piece, creating some tension in the center to further help the collar roll the right way.

But now, it’s only fair to also mention some things I did not like:
- The method used for the slanted welt pockets involves using lining for the wrong side, some hand stitching and some raw edges not being finished.
I most definitely was not a fan, and decided to use the method I’ve learnt at work, which I’ve gotten quite confident with. Actually, I am preparing a tutorial for that, so stay tuned.
By the way, I used some faux leather for the welts, because I didn’t find a satisfying way to utilize the check pattern on a slanted piece, and also because I wanted a sturdier material, since I use pockets a lot. In the end, I really like the subtle contrast in texture.

- I also really hated the way the back vent is lined. The construction is fine, it uses mitered corners, but the underside is narrower than I’m used to and that means more hand stitching, and small, raw seam allowances to conceal. It didn’t give me the clean result I wanted. For the life of me, I cannot find a photo, a video, or a tutorial of the method I usually use, so I guess I’ll have to make one myself? Please let me know if you’re interested.

- This is partly personal preference, but I completely disregarded the order of the steps in the instructions. It’s not that it’s bad, but it’s geared more towards beginners, and some steps, imho, give a less precise result (for example the way the collar is constructed).
My revised order, heavily influenced by industrial sewing, was as follows:
1. sewing the bust darts,
2. constructing the pockets,
3. preparing the right facing and right front bodice for the hidden closure,
4. attaching the facings to the front bodice pieces (I used seam tape along the left center front for stability), then handstitch them in place,
5. joining the back pieces, constructing the vent and topstitching it in place,
6. joining front and back at shoulders and sides,
7. constructing and shaping the collar,
8. attaching the back facing to the front facings, attaching the collar to the neckline; after pressing, trim the collar seam allowance and block the collar and undercollar seam allowances to each other.
9. topstitching the hidden button stand,
10. preparing the sleeves and attaching them,
11. preparing the lining, leaving a gap in one of the sleeves’ seams,
12. hemming the bottom of the coat and sleeves by hand,
13. bagging the lining, blocking the lining armhole to the coat armhole, close the sleeve opening; handsewing the buttons.

Whew! Just compiling this list, I had a flash back of how much work this coat was! And I didn’t even mention all the pressing involved…
In the end, I’m really happy with the result and with the quality of my work, which is not always the case for a perfectionist like me. I also recommend this pattern, although I would choose a simpler design if you’re a beginner, and would love to try more from Waffle Patterns.
If you want to sew your own Bamboo coat, Waffle pattern is about to have a sale, and you can also use discount code BAMBOOPAUNNET for a third off the list price at Patternsy (code is valid until the end of January)!

This post turned out extremely long, so if I forgot something or there’s something you’d like to know, please leave a comment below!

Modello: cappotto Bamboo di Waffle Patterns
Taglia: 38
Modifiche: non ho cucito le pince delle spalle dietro e li ho assorbiti nella cucitura; ho modificato le maniche per allineare il motivo del tessuto e le ho accorciate di 3cm
Tessuto: Misto lana a quadrettoni di Tessuti.com + fodera rossa e finta pelle nera per le tasche dalla mia collezione


Ho sempre avuto un fortissimo debole per i capispalla; ne ho più di quanti riesca a mettere in rotazione nel corso di un inverno, eppure continuo a sbavare sui modelli per cappotti (tipo qui) o a vedere nelle vetrine dei capi che devo assolutamente copiare.
Ad ogni modo, dopo che ho cucito per tre anni capispalla di lavoro, e dopo aver dato le dimissioni l’autunno scorso, una delle prime cose che ho deciso di cucire per me è stato proprio un cappotto.

Volevo una linea morbida e un po’ maschile, così ho scelto il modello Bamboo di Waffle Patterns, che tenevo d’occhio già da tempo, poichè i loro modelli mi hanno sempre ispirato professionalità e attenzione per i dettagli.

Questo modello prevede una vestibilità morbida, una silhouette dritta con spacco nel centro dietro, abbottonatura con finta inglese (facoltativa), tasche a filetto oblique o a toppa, 2 opzioni di lunghezza di cappotto e maniche, 2 opzioni per lo scollo (senza collo o revers classico).
Io ho scelto l’opzione più lunga con finta inglese, tasche a filetto e revers classico.

Poichè volevo un cappotto a quadri bianchi e neri da una vita, ho acquistato questo misto lana poco costoso, che si è rivelata una buona scelta. La qualità non è il massimo (il prezzo lo riflette), ma non è male quando è indossato, anche se non tiene caldissimo.

La modifica della manica

L’aver scelto questo tessuto, ha comportato una seconda sfida per me: combaciare i quadri! In passato, non mi è andata benissimo in questo campo, poiché 1. non mi sono mai informata a dovere sull’argomento prima di questo cappotto e 2. quando taglio, tendo a essere frettolosa e impulsiva, il colpo di grazia quando si parla di righe e quadretti.
Ma stavolta no! Sono stata paziente e ho preso i dovuti accorgimenti. Innanzitutto, ho seguito un corso Craftsy di cui ho accennato nel mio ultimo post, Perfect Pattern Matching: Plaids, Stripes & Beyond con Amy Alan. E’ stato di grandissimo aiuto non solo per pianificare il taglio del cappotto, ma ho anche imparato qualche trucchetto che ancora non conoscevo per imbastire e cucire righe e quadri.
Alla fine, ho deciso di avere una riga scura nel centro davanti (che in qualche foto sembra sfalsata, ma giuro che dipende dalla postura) e nel centro dietro (che non è stupendo per via della forma della cucitura, ma va bene lo stesso). Ho fatto combaciare le righe in orizzontale in corrispondenza delle cuciture dei fianchi (sotto le pince seno) e della tacca davanti della manica. Per le maniche, mi è stata di grande aiuto Yuki di Waffle Patterns, che mi ha mostrato con un diagramma come dividere la manica in due pezzi creando una cucitura nel sottobraccio, in modo che potessi cambiare il drittofilo per combaciare le righe nella cucitura del gomito.

In questa foto si vedono (spero) i due strati di telina di rinforzo, e la striscia di adesivo usata per la spezzatura del revers.

Quando si è trattato di tagliare, mi sono resa conto che questo tessuto era troppo molle, perciò ho utilizzato della telina termofusibile leggera su tutti i pezzi del capo, maniche comprese. Poi ho aggiunto un secondo strato leggermente più pesante per la parte superiore del corpino, le paramonture e gli orli.
Tanto di cappello a questo modello, che ha forse le migliori indicazioni per intelare che abbia mai trovato, ed è uno dei più vicini ai metodi professionali/industriali.

Ma visto che sto elogiando questo modello, parliamo delle altre cose che mi sono piaciute:
- I margini di cucitura sono inclusi nel modello, ma sono disegnate anche le linee di cucitura. Vorrei tantissimo che fosse lo standard per tutti i modelli di cucito, poichè rende tutto più chiaro e più veloce, specialmente in caso di modifiche.
Inoltre, il pdf del modello è a livelli, quindi avete l’opzione di stampare solo la taglia che vi serve. Tuttavia, se come me detestate assemblare i modelli pdf e scegliete la stampa in negozio, preparatevi a perdere qualche diottria quando ricalcate, specialmente per i pezzi della fodera. Se ne avete la possibilità, io consiglio comunque la stampa in negozio, visto la grossa mole di pagine di cui è composto il modello. Io mi sono affidata alle sapienti e veloci mani di Mark e Su di Patternsy, se andate alla fine del post trovate un codice sconto!

- Ho apprezzato molto l’abbondanza di taglietti e segni di riferimento, che rendono tutto più chiaro e veloce, e permettono di evitare confusione, pezzi cuciti dove non dovrebbero essere, lunghezze che non coincidono.
In questo modello sono addirittura segnate le linee di spezzatura per revers e collo, una vera rarità che mi ha reso felicissima. Ho usato una striscia di adesivo in drittofilo per la spezzatura del revers e un bindello in drittofilo (un po’ teso al centro) sul sottocollo per aiutare il collo a girare al meglio.

Ma ora, è giusto menzionare anche ciò che non è stato di mio gradimento:

- Non avevo mai visto il metodo utilizzato in questo modello per le tasche a filetto: richiede fodera per il rovescio del filetto, punti a mano, e dei margini non rifiniti a vista. Non mi è piaciuto proprio per niente, così ho utilizzato il metodo che ho imparato al lavoro, con cui vado spedita e ho sempre ottenuto buoni risultati. Tra l’altro, sto preparando un tutorial, perciò lo vedrete prossimamente su questi schermi.
A proposito, per i filetti ho utilizzato dell’ecopelle, poichè non sono riuscita a trovare un modo che soddisfacesse di utilizzare il tessuto a quadri sullo sbieco e allo stesso tempo volevo un materiale più resistente, poichè utilizzo moltissimo le tasche. Alla fine sono contenta del contrasto di texture tra lana morbida ed ecopelle.

- Non mi è altrettanto piaciuto il modo in cui è foderato lo spacco dietro. La parte dello spacco che resta verso l’interno ha un sormonto piccolino, e prevede parecchi passaggi a mano. Non mi ha dato i risultati puliti e belli da vedere che volevo. Purtroppo non sono riuscita a trovare da nessuna parte nè foto nè video del metodo che uso abitualmente per foderare gli spacchi, il che vuol dire che dovrò fare un tutorial anche per questo? Fatemi sapere se qualcuno è interessato.

- Qui si tratta molto di preferenza personale, ma ho completamente ignorato l’ordine di lavorazione indicato nelle istruzioni. Non che abbia nulla di sbagliato, ma si tratta di un modo di lavoro più indicato ai principianti, volto a rendere qualche passaggio (come la confezione di revers e collo) più semplici, ma che sacrifica un po’ di precisione.
L’ordine che ho seguito io, pesantemente influenzato dal cucito industriale, è come segue:
1. confezionare le pince del corpino,
2. confezionare le tasche,
3. preparare la finta inglese su davanti e paramontura destri,
4. attaccare le paramonture sui davanti (ho usato un bindello in sbieco stirato sul davanti sinistro per dare più stabilità), fermarle sul davanti con punti a mano,
5. unire i due pezzi del dietro, confezionando e impunturando lo spacco,
6. unire davanti e dietro lungo fianchi e spalle,
7. confezionare il collo e metterlo in forma,
8. unire il girello alle paramonture, poi cucire il collo sullo scollo. Dopo lo stiro, rifilare i margini del collo e inglassire,
9. impunturare la finta inglese,
10. confezionare le maniche e cucirle sul cappotto,
11. preparare la fodera, lasciando un buco in una cucitura delle maniche,
12. cucire a mano gli orli,
13. insaccare la fodera, fermare il giromanica della fodera su quello del capo, chiudere il buco nella fodera e cucire i bottoni.

Urca! Solo a scrivere questo elenco, mi è venuto un flashback della mole di lavoro che questo capo ha richiesto!
Alla fine, sono molto contenta del cappotto finito e della qualità del mio lavoro, il che non è sempre scontato per una perfezionista come me.
Il modello è assolutamente consigliato, e se volete provarlo, Waffle Patterns farà presto degli sconti, perciò teneteli d’occhio. Inoltre, se volete stampare il modello con Patternsy, potete usare il codice BAMBOOPAUNNET e lo pagherete un terzo del prezzo normale (codice valido fino a fine gennaio).

Questo post è diventato un poema epico, perciò se mi sono dimenticata qualcosa, o avete delle domande da farmi, lasciate un commento qui sotto!