2 Bronte Tops for Perfect Pattern Parcel #

2 Bronte Tops for Perfect Pattern Parcel #

So I've been asked again (see my first time here) to participate to the Perfect Pattern Parcel tour, and of course I said yes! Not only do I get to try out some new indie patterns, I get to do it for charity as well.

I must say pretty much all the patterns included in the pack are really awesome (see list below), but I was conquered by the

Bronte top. Jennifer actually asked me to be a tester when the pattern came out, but I was having a really busy period, so I sadly declined.
But now that this gorgeous knit pattern has magically returned into my life, I just had to make it.

Read More

Chambray Bruyère shirt


Size: 40 bust and waist, 42 hips
Alterations: I added sleeve tabs
Fabric: Locally purchased blue chambray

Last Summer, I have once again had the delightful chance to be a tester for Deer and Doe and to try their latest offering, the Bruyère shirt. It is a tunic-lenght shirt with a cinched waist and beautiful box pleats both on the front and on the back.

Although I love button-up shirts (and shirt collars and shirt dresses) and I wear them almost daily, I was initially a little perplexed by the length of Bruyère.
I know tunics are overall very popular (for some reason, I have the impression they are especially popular in France), but not in my wardrobe, because I tend to wear pants as rarely as I can, and when I do, it's NEVER skinny jeans or leggings. As you can see in these photos, I am rather evidently pear-shaped and I also have a big booty; I'm not extremely self-conscious of that, but I prefer not to display this area of my body too much (that's why I like dresses with a cinched waist and a full-ish skirt that hit above the knees).

For the sake of these photos, I decided to try something new and wear my Bruyère with leggings, but it's not something I'm likely to repeat soon. I mean, it is a really comfy outfit, it's just not me.

But luckily, Bruyère has proved to be pretty awesome with regular straight-leg jeans as well (maybe it just makes a bit less modern and youthful of an outfit this way), and I've been wearing it plenty this way. It really has been a great transitional garment for these first few weeks of Autumn, when it's very cold in the morning, then it gets warm in the central part of the day, and then it's cold again after sundown.

As per usual with Deer and Doe, I didn't need any fit adjustment (woohoo!). I added buttoned sleeve tabs (which I copied from Pauline Alice's Carme blouse pattern) because I always have my sleeves rolled up, but I found them redundant. Especially if you use a fabric with a bit of body like my chambray here, they stay up by themselves.

I found the construction of Bruyère particularly satisfying: it's not difficult (although I wouldn't recommend it to an absolute beginner), but it requires some precision and patience, which are a welcome challenge for someone a little more experienced. And if you like pretty insides, you can French seam the whole thing like I did and forget about serging or ugly zig zag stitch.

Of course, me being me, I could not resist the temptation to hack the pattern and make into a shirt dress, so that's the next finished thing you'll see around here (hopefully soon!).



Taglia: 40 per petto e vita + 42 per i fianchi
Modifiche: Ho aggiunto dei laccetti con bottone alle maniche per arrotolarle.

Tessuto: Chambray acquistato in un negozio locale.


Quest'estate, ho ancora una volta avuto la fortuna di fare da tester per Deer and Doe e di provare la loro ultima fatica, la camicia Bruyère. Si tratta di una camicia a lunghezza tunica, stretta in vita e con delle bellissime pieghe sia davanti che dietro.

Anche se amo le camicie (e i colletti da uomo, e gli abiti-camicia) e le porto quasi tutti i giorni, ero inizialmente un po' perplessa dalla lunghezza di Bruyère.
So che le tuniche in generale sono abbastanza apprezzate (specialmente in Francia, vero? O è solo una mia impressione?), ma non da me, poichè tendo ad indossare i pantaloni meno possibile, e quando lo faccio non si tratta MAI di skinny jeans o leggings. Come potete vedere anche in queste foto, sono fatta "a pera" in maniera abbastanza evidente, e inoltre ho un sedere importante; anche se ormai ho fatto pace con la mia predisposizione fisica, preferisco non mettere troppo in evidenza quest'area (ed è anche per questo che amo gli abiti con la vita stretta e la gonna ampia).

Per queste foto, ho deciso di provare qualcosa di nuovo e di mettere la mia Bruyère con dei leggings, ma non credo che lo rifarò presto. Certo, ero comodissima, ma a disagio e non mi sentivo "me".

Ma per mia fortuna, Bruyère si è dimostrata fantastica anche indossata con dei jeans a gamba dritta (forse in questo modo è solo un po' meno moderna e giovanile), e l'ho indossata parecchio con quest'abbinamento. E' davvero perfetta per la mezza stagione, in quelle giornate in cui la mattina fa freddo, poi inizia a fare caldo, e verso sera fa di nuovo freddo.

Come al solito con Deer and Doe, non ho dovuto fare alcuna modifica al modello (evvai!). Ho aggiunto dei laccetti abbottonati per tenere le maniche arrotolate, ma devo dire che sono ridondanti; specialmente con un tessuto con un po' di sostanza come questo chambray, le maniche arrotolate stanno su da sole.

Cucire Bruyère è stato particolarmente divertente e soddisfacente. Non si tratta di un processo difficile (anche se lo sconsiglierei a una principiante assoluta), ma richiede un po' di pazienza e di precisione, una sfida ben accetta da chi ha un po' di esperienza. E se vi piacciono le rifiniture pulite, potete usare cuciture all'inglese praticamente ovunque come ho fatto io, e dimenticarvi della taglia cuci o dell'orrido zig zag.

Ovviamente non ho saputo resistere alla tentazione di provare a trasformare questo modello in un abito camicia, perciò sarà il prossimo progetto finito che vedrete da queste parti (spero presto!).

Invece, se volete vedere i modelli Deer and Doe in azione, e acquistarli di persona, ottime notizie: troverete sia Eléonore (la creatrice di Deer and Doe) che me a Vicenza, ad Abilmente, dal 16 al 19 ottobre. Saremo nel padiglione 7, nell'atelier Moda fai da te insieme ad altre designer di cartamodelli e blogger (tra cui Silvia di Sewing Princess).
Veniteci a trovare! :D

Minerva Blogger Network: a floral Emery dress


Pattern: Emery dress by Christine Haynes (purchased via Urban Cut).
Size: 6
Alterations: I made a 1,5cm FBA following this brilliant tutorial; lengthened the sleeves by about 4cm.
Fabric: floral cotton lawn and blue polycotton from Minerva Crafts.

As I mentioned in my last post for the Minerva Blogger Network, I wasn’t really over the moon about my last three kits. I put them together with the intention of trying new materials and going a little out of the box, but as it turns out, when you have a deadline and you can’t dedicate too much time to these projects, experimenting is not the best idea. So while putting together the following three kits, I decided to go back to basics: my favourite fabric, cotton (cotton lawn in particular) and my favourite type of garment, dresses.

So, this month, I am presenting you a rather simple dress, but it’s one I am really happy about. I chose an extremely cute floral cotton lawn, which is perfect for Spring, and decided to add a blue contrast collar.

The pattern is used is once again the Emery dress by Christine Haynes, which you've already seen here and here. This pattern is well drafted, simple to make and has great instructions. And it has pockets, too! :D I cut my usual size 6 with a 1,5cm FBA.

There’s not a lot to say about construction, because, as I mentioned, the instructions are pretty straightforward. I particularly like the way the collar is constructed, because it makes it so much easier to have a perfect match at the centre front. The only change I made is that I didn’t line the bodice, so I finished the neckline with self-made bias tape.

As anticipated, this dress might not be earth-shattering, but it fits perfectly in my wardrobe and I feel happy wearing it, which is a win-win.

Finally, a word on my glasses: they're new and they're courtesy of Ozeal Glasses. The pair I chose is a cat eye shape (my favorite) from designer Human Skull, the model is called Amy Red (unfortunately not available at the moment, a similar pair could be this one).
Anyway, the variety on the site is huge, the customer service was great with me, and the glasses themselves are honestly good quality, especially if you consider the price. I think this site is great if you want a spare pair of glasses or want to try a different frame without spending a lot (they also offer free shipping). Recommended! :D

Modello: abito Emery di Christine Haynes (acquistato da Urban Cut).
Taglia: 6
Modifiche: ho aggiunto 1,5cm per il petto seguendo questo fantastico tutorial e ho allungato le maniche di circa 4cm.
Tessuto: cotone floreale e misto cotone blu di Minerva Crafts.

Come avevo accennato nel mio ultimo post per il Minerva Blogger Network, non sono molto soddisfatta dei miei ultimi 3 kit. Quando li ho messi insieme, volevo provare tessuti nuovi e fare delle cose un po' diverse, ma a quanto pare, quando si ha una scadenza al mese e poco tempo da dedicarvi, sperimentare non è la scelta migliore.

Quindi, quando ho creato i successivi 3 kit, ho deciso di tornare alle origini: ho scelto la mia stoffa preferita, il cotone, e il mio capo di abbigliamento preferito, l'abito.

Perciò questo mese vi presento un abitino relativamente semplice, ma del quale sono molto felice. Ho scelto un carinissimo cotone floreale, perfetto per la primavera e ho deciso di aggiungergli un colletto a contrasto.

Il modello che ho usato è ancora una volta l'abito Emery di Christine Haynes, che vi ho già mostrato qui e qui. Si tratta di un modello ben disegnato, semplice da realizzare e che ha delle ottime istruzioni. Ho tagliato la mia solita taglia 6 con una modifica per il seno di 1,5cm.

Non c'è granchè da dire sull'assemblaggio, perchè, come accennato, è piuttosto semplice. Mi piace in particolare come viene cucito il colletto, perchè è semplicissimo farlo combaciare al centro della scollatura.
L'unico cambiamento che ho fatto è stato di non foderare il corpino, e di rifinire la scollatura con dello sbieco fatto in casa.

Come ho detto, non è un abito rivoluzionario, ma si integra perfettamente nel mio guardaroba e mi indossarlo mi rende felice, perciò è una vittoria su tutti i fronti.

Infine, due parole sui miei occhiali. Sono nuovi e mi sono stati mandati da Ozeal Glasses. Quelli che ho scelto io sono il modello Amy Red del designer Human Skull (purtroppo non disponibili al momento, ma questi sono simili).
Questo sito offre una varietà enorme di scelta, il servizio clienti è stato fantastico con me e gli occhiali sono di buona qualità, specialmente se si considera il prezzo.
Penso sia un'ottima risorsa se siete alla ricerca di un paio di occhiali di riserva o se volete provare una montatura diversa senza spendere un capitale (la spedizione è addirittura gratuita). Raccomandato! :D 

Ethnic Centaurée dress

Size: 40 (42 for the skirt)
Alterations: 3cm small back adjustment.
Fabric: a beautiful cotton lawn with an ethic print, purchased locally. Blue polycotton from Minerva Crafts. 

If you guys didn't notice the release of Deer and Doe's latest pattern, the Centaurée dress, you're missing out!
As usual, I was lucky enough to be included in the testing process of this pattern, and, again as usual, it was a delight.
The Centaurée dress was created by Eléonore almost on a whim (as she explains here), the design came together very quickly, and I fell in love with it design immediately.

First of all, I was over the moon about a new Deer and Doe dress, because it's the type of garment I wear most often and enjoy sewing the most. Furthermore, the dress options by Deer and Doe rank between my favorite patterns ever (Bleuet in primis, then Belladone and Sureau).
And once again, I wasn't disappointed!

Starting with the fit: as I mentioned countless times, I'm lucky enough to have exactly the type of body these patterns are designed for, so not only they flatter me, I also need to make very little alterations.
For Centaurée, I cut a size 40 and made a small back alterations, removing 3 cm from the back bodice. Actually that's what I did for my muslin, but when I cut my fabric I found it to be a little small, so I had to let out the side seam by exactly 3 cm total... I think it might be because some of the pieces of the bodice weren't cut correctly on grain (I didn't have enough fabric), but I'm not sure. I'll need to look out for that in my next version.

Centaurée is rated as intermediate, but an advanced beginner can tackle it as well. The only difficult aspects of this pattern are fitting the bodice correctly (please, please, PLEASE make a muslin) and sewing the bias tape precisely. The rest is actually really fun and quick to assemble. If the illustrated instructions are not enough for you, or this pattern still scares you a bit, there's a sewalong coming your way very soon! Yay!

I'm really in love with this dress and I want to sew many more, playing with just a print or a completely solid fabric (that's probably enough color blocking for me for a while) and with the strap placement... Maybe a maxy version too?


Taglia: 40 (42 per la gonna)
Modifiche: ridotto il corpino dietro di 3 cm.

Tessuto: Un bellissimo cotone con stampa etnica, acquistato localmente. Misto cotone blu di Minerva Crafts.

Avete visto che oggi è uscito il nuovo modello Deer and Doe? Si tratta dell'abito Centaurée.
Come al solito ho avuto la fortuna di essere una delle tester per questo modello, e come al solito, è stato un processo molto divertente. L'abito Centaurée è stato creato da Eléonore quasi di getto (come spiega qui), è stato realizzato molto velocemente, e io me ne sono innamorata subito.

Innanzitutto ero felicissima che si trattasse di un abito, il tipo di indumento che indosso di più e che mi diverte maggiormente cucire. Inoltre, gli abiti Deer and Doe sono tra i miei modelli preferiti di sempre (Bleuet in primis, poi Belladone e Sureau).
E ancora una volta, non sono stata delusa!

A cominciare dalla vestibilità: come ho già detto un sacco di volte, ho la fortuna di avere il tipo di corporatura per cui questi modelli vengono pensati, perciò non solo mi donano, ma richiedono anche pochissime modifiche. Per Centaurée, ho tagliato una 40 e ho fatto una modifica per la schiena piccola, rimuovendo 3 cm dal centro del corpino dietro. In realtà è quello che ho fatto per la telina, ma dopo aver montato l'abito vero e proprio era un po' troppo stretto; ho allargato le cuciture laterali per un totale di 3 cm... Non so bene perchè sia successa questa cosa, se sia dovuta al fatto che alcuni pezzi del corpino non sono stati tagliati in drittofilo perchè mi mancava la stoffa... Dovrò starci attenta per la mia prossima versione!

Centaurée è classificato a livello intermedio, ma anche una principiante avanzata ce la può fare. Le parti difficili sono ottenere una vestibilità corretta (PER FAVORE fate una telina prima di tagliare il tessuto!) e cucire lo sbieco con precisione. Il resto è divertente e veloce da cucire.
Se le istruzioni illustrate non sono abbastanza o se questo modello vi spaventa ancora un po', c'è un sewalong in arrivo prestissimo! Evviva!

Sono davvero innamorata di quest'abito e voglio cucirne molti altre versioni, probabilmente a tinta unita o completamente stampati (basta color blocking per ora!) e giocando un po' con le bretelline... Magari anche una versione con gonna lunga?