Louisa dress pattern by Compagnie M.

Hello, everyone! Guess who's still alive? :)

I'm emerging from my loooong silence today to introduce to you a wonderful pattern for little girls, the Louisa dress by Compagnie M.

As per its description, the Louisa dress is "a vintage inspired pattern with a modern twist. Unique pockets and three back options make this a versatile pattern. Add lining according to the season and enjoy this pattern the whole year round."

The pattern includes sizes: from 1y to 10y.

Read More

Minerva Blogger Network: Peacock Flora dress


Size: 8
Alterations: none on the pattern, fitted as I went (read below). 
Fabric: cotton lawn from Minerva Crafts, available here.

The project of this month for the Minerva Blogger Network is a little bit special, because we were asked to make some party attire to wear at the Minerva meet up last week. I was quite heart-broken I didn’t get to attend, but making a cute dress helped me get in the party mood.

After spending a long, long time deciding what kind of dress to make for such an event, I decided to go with the Flora dress pattern by By Hand London. I was one of the very few bloggers who was not invited to test this pattern (sigh, why?), but I really liked the design. My kind sponsor, Indie Stitches, provided the pattern for me.

I initially wanted to make the version with the high neckline, but after a muslin, I decided it looked a little too casual for the occasion, so I opted for the faux wrap, which is also more flattering on me.

I cut a size 8 and made no alterations, although once the fashion fabric was sewn, I ended up with a lot of excess fabric around the waist (almost 8cm). It’s one of those mysteries of sewing I just can’t seem to figure out: the muslin fitted almost perfectly; there were about 2cm of ease at the waist, most of which I thought was going to disappear by lining the bodice. I don’t know what happened later, because I took my time cutting, staystitching and stabilizing the neckline… Probably, I just didn’t do a very good job on my muslin, and didn't pay it the attention it needed.

I dunno, but anyway, once the bodice was completely assembled and self-lined, I decided to make it work, grin my teeth and remove the excess from the center back (which is not a very good solution). This means the side seams are now shifted towards the back and the back armholes are a little too deep, but that’s ok.

The second “make-it-work” moment happened when I realised the circle skirt required a 60” wide fabric, and the one I chose wasn’t as wide. Again, I opted for a solution I wouldn’t recommend to anyone and used the fabric on the cross grain. The print is busy enough that it’s not too obvious, and the effect is not too ugly. I really wanted the circle skirt at that point, so I’m kind of glad I cut it anyway. The knife pleats on the front are truly stunning, while I’m not too crazy about the box pleats of the back.

What else? Oh! I installed an invisible zipper! If you’ve read my blog for a while, you’ll know I simply hate this kind of zipper, because while it’s more discreet to the eye, it’s a pain to install and it breaks way too easily for my taste. But I thought it would really look better for this kind of dress, and I’m happy with my choice.

As you might have seen in my sneak peek post, I also made a petticoat to go underneath this dress. I thought a petticoat would play up the vintage feel of this dress and would make it look more elegant for this special occasion, except… I now know that I don’t like the look of petticoats on me, AT ALL! This thing took a lot of time and patience to make, and I must thank Ela of Elochka for giving me a private mini tutorial on its construction; I doubt I’ll ever wear it again, but I’m glad I got to try it on. At least, now I know.

All in all, I’m really happy about this dress and I can’t wait to have a real event to wear it to! If you want to make it for yourself (petticoat included) the kit is available here. To be completely honest, my plan changed after putting the kit together, so I would rather recommend getting the peacock fabric here and the organza for the petticoat here.

Taglia: 8
Modifiche: nessuna sul modello, modificato mentre cucivo (leggere sotto.)
Tessuto: di Minerva Crafts, disponibile qui.

Il progetto di questo mese per il Minerva Blogger Network è un po' più speciale del solito, perché ci è stato chiesto di preparare un outfit da festa per il meet-up di Minerva Crafts che si è svolto la settimana scorsa. Sono tristissima di non essere riuscita ad andare, ma cucire un bel vestitino mi ha aiutato a mettermi del mood della festa :)

Dopo luuunghe, luunghe riflessioni per scegliere che abito fare, ho deciso di optare per il modello Flora dress di By Hand London. Sono una delle poche blogger che non è stata invitata a testare questo modello (sigh, perché?), ma mi sono proprio innamorata del design e delle bellissime versioni viste in rete. Il mio gentile sponsor Indie Stitches mi ha fornito il modello.
Inizialmente, avrei voluto fare la versione con lo scollo alto, ma dopo una telina di prova, ho deciso che era un po' troppo casual per l'occasione, e ho optato per la versione con incrocio, che sta anche meglio sulla mia corporatura.

Ho tagliato la taglia 8 senza apporre modifiche, MA, ovviamente, una volta cucito il corpino, mi sono ritrovata un sacco di eccesso in vita (quasi 8 cm!). E' uno di quei misteri del cucito che mi capitano ogni tanto e non riesco proprio a capire: la telina era praticamente perfetta, c'erano circa 2cm di spazio extra in vita, e pensavo che la maggior parte sarebbe sparita foderando il corpino (il poco restante sarebbe stato mangiato nella zip). Non ho idea di cosa sia successo dalla telina all'abito vero e proprio, perchè ho tagliato attentamente e ho stabilizzato gli scolli per non distorcerli. Probabilmente avrò fatto qualche cavolata con la telina, ma non me lo spiego comunque.

Ad ogni modo, nel momento in cui il corpino era tutto cucito e foderato, ho deciso di stringere i denti e fare quello che non avrei dovuto, ovvero eliminare l'eccesso dalla cucitura del centro dietro (il tempo stringeva e non avevo nemmeno la voglia di smontare tutto). Voi non fatelo mai, per favore! Perché significa che adesso le cuciture del fianco sono spostate verso il dietro e il giro manica dietro è troppo profondo. Ma pazienza!

Il secondo momento di panico mi è arrivato quando mi sono resa conto che per la gonna a ruota serviva un tessuto largo 150cm, e il mio era 140. Ho di nuovo scelto una soluzione da evitare, ovvero di tagliare la gonna nel senso della trama (e non dell'ordito). Con questa fantasia, l'effetto non è estremamente evidente né bruttissimo, perciò alla fine sono contenta della scelta, perché volevo davvero la gonna a ruota. Le pieghe piatte sul davanti sono stupende e danno veramente una marcia in più a una semplice gonna a ruota, mentre gli sfondi piega sul retro non mi fanno impazzire. 

Che altro? Ah, sì! Ho messo una lampo invisibile! Se leggete il mio blog da un po' di tempo, saprete che detesto a dir poco questo tipo di chiusura, perché, seppur più discreta delle lampo normali, non mi piace cucirla e si rompe troppo facilmente. Ma ho pensato che con questo tipo d'abito sarebbe statea meglio, e mi sa che avevo ragione.

Come forse avrete visto nel mio post pre-rivelazione, ho anche cucito una sottogonna da mettere sotto l'abito. Ho pensato che avrebbe giocato bene con il mood vintage di quest'abito e l'avrebbe reso ulteriormente elegante per questa occasione speciale, ma... ho scoperto che non mi piacciono le sottogonne su di me, ma proprio per niente!Ci sono voluti molto tempo e pazienza per cucire questa specie di meringa, e devo ringraziare Ela di Elochka per avermi aiutato con un mini tutorial privato sulla costruzione; dubito che la indosserò mai, ma almeno sono contenta di essermi tolta il dubbio. 

Tutto sommato, sono molto contenta di quest'abito e non vedo l'ora di indossarlo per un'occasione speciale nella "vita reale"!
Se volete cucirlo anche voi, come al solito potete trovare il kit qui; sinceramente, visto che ho fatto parecchie modifiche dopo aver messo insieme il kit, vi raccomanderei piuttosto di acquistare separatamente il tessuto a stampa pavone qui e l'organza per la sottogonna qui.

Bleuet dress with View of the Eiffel Tower

Size: 38-40-44
Alterations: Skipped the sleeves and finished the armholes with bias tape.

Gosh, it feels like I haven't posted a finished project in such a long time!
I've been a little less productive than usual, lately, but still...

Anyways, this cute little dress was finished and photographed in February, but I never got around to blog about it. I didn't like the photos I took then, and I was wearing long sleeves and tights in them, which felt a little out of season, so I just retook them last week.

What can I say about this dress that I haven't said already?
In case you missed them, I made three versions of this dress (1, 2 and 3), and every time I said how much I love this pattern. Heck, it's probably my favorite of all the wide world! Just perfect for me, with the collar, the buttons, and the cute little bow in the back.

This time, I went again with no contrast collar and bow and chose to go will all print. I think a black collar and bow might have been cute, but my initial instinct was to maximize this adorable print. As I wrote above, the fabric I used is the "Vue sur la Tour Eiffel" print by Fifi Mandrac for Atelier Brunette, which I purchased from Supercut
I fell in love with the little Tour Eiffels, benches and French flags of this fabric immediately. They're a perfect reminder of one of my favorite cities, Paris, and of a beautiful trip I took there in 2009. The light grey background is a bit harsh on my skintone (or lack thereof) right now, and it will look so much better as soon as I have a little bit of tan.

But speaking of fabric, Marine of Supercut graciously offered a 10% discount code for my readers on a selection of my favorite fabrics:

1. Cotton printed fabric - 2. Japanese fabric Nancy Wolff "Circus" yellow - 3. Plumetis fabric ecru - 4. Printed fabric moose
5. Echino buck turquoise - 6. Black chambray - 7. Printed fabric birds - 8. Red chambray
9. Vespa corail - 10. Blue silk - 11. Sailor striped ecru/red - 12. Flannel little elephants
Some of them are in limited quantities, so hurry up!
You just need to use the code PAUNNET on a purchase of minimum 35€. The discount is valid through June 18th.
Supercut now also has a sponsorship program (introduce your friends to Supercut and get a 3€ discount) and a loyalty program (more details here). Also, be sure to follow them on Facebook and Instagram to get the latest news and offers.

Happy shopping!

Taglia: 38-40-44
Modifiche: Non ho messo le maniche e ho rifinito il giromanica con lo sbieco.


Cavoli, mi sembra di non aver pubblicato un progetto finito da secoli!
Ultimamente sono stata un po' meno produttiva del solito, ma non così tanto...

Ad ogni modo, questo bell'abitino è stato finito addirittura a febbraio, ma non era ancora riuscito ad arrivare sul blog. Non mi piacevano le foto che avevo fatto allora, e i collant e le maniche lunghe che indossavo, adesso risultano un po' fuori stagione, così ho rifatto tutto la settimana scorsa. 

Cosa posso dire di questo modello che non abbia già detto?
In caso ve le foste perse, ho cucito tre versioni di quest'abito (12 e 3), ed ogni volta ve ne ho decantato le lodi. Adoro questo modello, anzi è proprio il mio preferito di tutto il mondo :)
E' perfetto per me, coi bottoni, il colletto e l'adorabile fiocco sul retro. 

Stavolta ho optato di nuovo per colletto e fiocco non a contrasto. Anche se sarebbero stati carini in tinta unita sul nero, ho deciso di seguire il mio istinto iniziale e di usare al massimo la bellissima fantasia di questo tessuto. Come detto sopra, si tratta di "Vue sur la Tour Eiffel" di Fifi Mandrac per Atelier Brunette, che ho acquistato da Supercut.
Mi sono innamorata subito di questo tessuto: le piccole Tour Eiffel, panchine e bandierine francesi mi riportano alla mente Parigi, una delle mie città preferite, e del bellissimo viaggio fatto proprio lì nel 2009, rendendomi felice tutte le volte che lo indosso. Il grigio chiaro dello sfondo non sta benissimo sul mio pallore cadaverico, ma sarà molto meglio appena avrò un minimo di abbronzatura (che con questo caldo, nemmeno io riuscirò ad evitare).

Ma a proposito di tessuti, Marine, la proprietaria di Supercut, ha generosamente offerto un codice sconto del 10% su una selezione dei miei tessuti preferiti: 

1. Cotone uccelli - 2. Nancy Wolff "Circus" - 3. Plumetis ecru - 4. Tessuto alci
5. Echino buck turchese - 6. Chambray nero - 7. Uccelli Dsquared - 8. Chambray rosso
9. Vespa Corail - 10. Seta blu - 11. Righe ecru/rosso - 12. Flanella elefanti

Alcuni tessuti sono in quantità limitata, perciò sbrigatevi! 
Vi basta usare il codice PAUNNET su un acquisto di almeno 35€. Lo sconto è valido fino al 18 giugno.

Supercut adesso ha anche un programma di segnalazione (presenta un amico e ottieni 3€ di sconto) e un programma fedeltà (leggi qui per i dettagli). Inoltre, seguite la pagina Facebook e Instagram per essere aggiornati su offerte e novità. 

Buono shopping!

Minerva Blogger Network: a floral Emery dress


Pattern: Emery dress by Christine Haynes (purchased via Urban Cut).
Size: 6
Alterations: I made a 1,5cm FBA following this brilliant tutorial; lengthened the sleeves by about 4cm.
Fabric: floral cotton lawn and blue polycotton from Minerva Crafts.

As I mentioned in my last post for the Minerva Blogger Network, I wasn’t really over the moon about my last three kits. I put them together with the intention of trying new materials and going a little out of the box, but as it turns out, when you have a deadline and you can’t dedicate too much time to these projects, experimenting is not the best idea. So while putting together the following three kits, I decided to go back to basics: my favourite fabric, cotton (cotton lawn in particular) and my favourite type of garment, dresses.

So, this month, I am presenting you a rather simple dress, but it’s one I am really happy about. I chose an extremely cute floral cotton lawn, which is perfect for Spring, and decided to add a blue contrast collar.

The pattern is used is once again the Emery dress by Christine Haynes, which you've already seen here and here. This pattern is well drafted, simple to make and has great instructions. And it has pockets, too! :D I cut my usual size 6 with a 1,5cm FBA.

There’s not a lot to say about construction, because, as I mentioned, the instructions are pretty straightforward. I particularly like the way the collar is constructed, because it makes it so much easier to have a perfect match at the centre front. The only change I made is that I didn’t line the bodice, so I finished the neckline with self-made bias tape.

As anticipated, this dress might not be earth-shattering, but it fits perfectly in my wardrobe and I feel happy wearing it, which is a win-win.

Finally, a word on my glasses: they're new and they're courtesy of Ozeal Glasses. The pair I chose is a cat eye shape (my favorite) from designer Human Skull, the model is called Amy Red (unfortunately not available at the moment, a similar pair could be this one).
Anyway, the variety on the site is huge, the customer service was great with me, and the glasses themselves are honestly good quality, especially if you consider the price. I think this site is great if you want a spare pair of glasses or want to try a different frame without spending a lot (they also offer free shipping). Recommended! :D

Modello: abito Emery di Christine Haynes (acquistato da Urban Cut).
Taglia: 6
Modifiche: ho aggiunto 1,5cm per il petto seguendo questo fantastico tutorial e ho allungato le maniche di circa 4cm.
Tessuto: cotone floreale e misto cotone blu di Minerva Crafts.

Come avevo accennato nel mio ultimo post per il Minerva Blogger Network, non sono molto soddisfatta dei miei ultimi 3 kit. Quando li ho messi insieme, volevo provare tessuti nuovi e fare delle cose un po' diverse, ma a quanto pare, quando si ha una scadenza al mese e poco tempo da dedicarvi, sperimentare non è la scelta migliore.

Quindi, quando ho creato i successivi 3 kit, ho deciso di tornare alle origini: ho scelto la mia stoffa preferita, il cotone, e il mio capo di abbigliamento preferito, l'abito.

Perciò questo mese vi presento un abitino relativamente semplice, ma del quale sono molto felice. Ho scelto un carinissimo cotone floreale, perfetto per la primavera e ho deciso di aggiungergli un colletto a contrasto.

Il modello che ho usato è ancora una volta l'abito Emery di Christine Haynes, che vi ho già mostrato qui e qui. Si tratta di un modello ben disegnato, semplice da realizzare e che ha delle ottime istruzioni. Ho tagliato la mia solita taglia 6 con una modifica per il seno di 1,5cm.

Non c'è granchè da dire sull'assemblaggio, perchè, come accennato, è piuttosto semplice. Mi piace in particolare come viene cucito il colletto, perchè è semplicissimo farlo combaciare al centro della scollatura.
L'unico cambiamento che ho fatto è stato di non foderare il corpino, e di rifinire la scollatura con dello sbieco fatto in casa.

Come ho detto, non è un abito rivoluzionario, ma si integra perfettamente nel mio guardaroba e mi indossarlo mi rende felice, perciò è una vittoria su tutti i fronti.

Infine, due parole sui miei occhiali. Sono nuovi e mi sono stati mandati da Ozeal Glasses. Quelli che ho scelto io sono il modello Amy Red del designer Human Skull (purtroppo non disponibili al momento, ma questi sono simili).
Questo sito offre una varietà enorme di scelta, il servizio clienti è stato fantastico con me e gli occhiali sono di buona qualità, specialmente se si considera il prezzo.
Penso sia un'ottima risorsa se siete alla ricerca di un paio di occhiali di riserva o se volete provare una montatura diversa senza spendere un capitale (la spedizione è addirittura gratuita). Raccomandato! :D 

Ethnic Centaurée dress

Size: 40 (42 for the skirt)
Alterations: 3cm small back adjustment.
Fabric: a beautiful cotton lawn with an ethic print, purchased locally. Blue polycotton from Minerva Crafts. 

If you guys didn't notice the release of Deer and Doe's latest pattern, the Centaurée dress, you're missing out!
As usual, I was lucky enough to be included in the testing process of this pattern, and, again as usual, it was a delight.
The Centaurée dress was created by Eléonore almost on a whim (as she explains here), the design came together very quickly, and I fell in love with it design immediately.

First of all, I was over the moon about a new Deer and Doe dress, because it's the type of garment I wear most often and enjoy sewing the most. Furthermore, the dress options by Deer and Doe rank between my favorite patterns ever (Bleuet in primis, then Belladone and Sureau).
And once again, I wasn't disappointed!

Starting with the fit: as I mentioned countless times, I'm lucky enough to have exactly the type of body these patterns are designed for, so not only they flatter me, I also need to make very little alterations.
For Centaurée, I cut a size 40 and made a small back alterations, removing 3 cm from the back bodice. Actually that's what I did for my muslin, but when I cut my fabric I found it to be a little small, so I had to let out the side seam by exactly 3 cm total... I think it might be because some of the pieces of the bodice weren't cut correctly on grain (I didn't have enough fabric), but I'm not sure. I'll need to look out for that in my next version.

Centaurée is rated as intermediate, but an advanced beginner can tackle it as well. The only difficult aspects of this pattern are fitting the bodice correctly (please, please, PLEASE make a muslin) and sewing the bias tape precisely. The rest is actually really fun and quick to assemble. If the illustrated instructions are not enough for you, or this pattern still scares you a bit, there's a sewalong coming your way very soon! Yay!

I'm really in love with this dress and I want to sew many more, playing with just a print or a completely solid fabric (that's probably enough color blocking for me for a while) and with the strap placement... Maybe a maxy version too?


Taglia: 40 (42 per la gonna)
Modifiche: ridotto il corpino dietro di 3 cm.

Tessuto: Un bellissimo cotone con stampa etnica, acquistato localmente. Misto cotone blu di Minerva Crafts.

Avete visto che oggi è uscito il nuovo modello Deer and Doe? Si tratta dell'abito Centaurée.
Come al solito ho avuto la fortuna di essere una delle tester per questo modello, e come al solito, è stato un processo molto divertente. L'abito Centaurée è stato creato da Eléonore quasi di getto (come spiega qui), è stato realizzato molto velocemente, e io me ne sono innamorata subito.

Innanzitutto ero felicissima che si trattasse di un abito, il tipo di indumento che indosso di più e che mi diverte maggiormente cucire. Inoltre, gli abiti Deer and Doe sono tra i miei modelli preferiti di sempre (Bleuet in primis, poi Belladone e Sureau).
E ancora una volta, non sono stata delusa!

A cominciare dalla vestibilità: come ho già detto un sacco di volte, ho la fortuna di avere il tipo di corporatura per cui questi modelli vengono pensati, perciò non solo mi donano, ma richiedono anche pochissime modifiche. Per Centaurée, ho tagliato una 40 e ho fatto una modifica per la schiena piccola, rimuovendo 3 cm dal centro del corpino dietro. In realtà è quello che ho fatto per la telina, ma dopo aver montato l'abito vero e proprio era un po' troppo stretto; ho allargato le cuciture laterali per un totale di 3 cm... Non so bene perchè sia successa questa cosa, se sia dovuta al fatto che alcuni pezzi del corpino non sono stati tagliati in drittofilo perchè mi mancava la stoffa... Dovrò starci attenta per la mia prossima versione!

Centaurée è classificato a livello intermedio, ma anche una principiante avanzata ce la può fare. Le parti difficili sono ottenere una vestibilità corretta (PER FAVORE fate una telina prima di tagliare il tessuto!) e cucire lo sbieco con precisione. Il resto è divertente e veloce da cucire.
Se le istruzioni illustrate non sono abbastanza o se questo modello vi spaventa ancora un po', c'è un sewalong in arrivo prestissimo! Evviva!

Sono davvero innamorata di quest'abito e voglio cucirne molti altre versioni, probabilmente a tinta unita o completamente stampati (basta color blocking per ora!) e giocando un po' con le bretelline... Magari anche una versione con gonna lunga?