Minerva Blogger Network: Peacock Flora dress


Size: 8
Alterations: none on the pattern, fitted as I went (read below). 
Fabric: cotton lawn from Minerva Crafts, available here.

The project of this month for the Minerva Blogger Network is a little bit special, because we were asked to make some party attire to wear at the Minerva meet up last week. I was quite heart-broken I didn’t get to attend, but making a cute dress helped me get in the party mood.

After spending a long, long time deciding what kind of dress to make for such an event, I decided to go with the Flora dress pattern by By Hand London. I was one of the very few bloggers who was not invited to test this pattern (sigh, why?), but I really liked the design. My kind sponsor, Indie Stitches, provided the pattern for me.

I initially wanted to make the version with the high neckline, but after a muslin, I decided it looked a little too casual for the occasion, so I opted for the faux wrap, which is also more flattering on me.

I cut a size 8 and made no alterations, although once the fashion fabric was sewn, I ended up with a lot of excess fabric around the waist (almost 8cm). It’s one of those mysteries of sewing I just can’t seem to figure out: the muslin fitted almost perfectly; there were about 2cm of ease at the waist, most of which I thought was going to disappear by lining the bodice. I don’t know what happened later, because I took my time cutting, staystitching and stabilizing the neckline… Probably, I just didn’t do a very good job on my muslin, and didn't pay it the attention it needed.

I dunno, but anyway, once the bodice was completely assembled and self-lined, I decided to make it work, grin my teeth and remove the excess from the center back (which is not a very good solution). This means the side seams are now shifted towards the back and the back armholes are a little too deep, but that’s ok.

The second “make-it-work” moment happened when I realised the circle skirt required a 60” wide fabric, and the one I chose wasn’t as wide. Again, I opted for a solution I wouldn’t recommend to anyone and used the fabric on the cross grain. The print is busy enough that it’s not too obvious, and the effect is not too ugly. I really wanted the circle skirt at that point, so I’m kind of glad I cut it anyway. The knife pleats on the front are truly stunning, while I’m not too crazy about the box pleats of the back.

What else? Oh! I installed an invisible zipper! If you’ve read my blog for a while, you’ll know I simply hate this kind of zipper, because while it’s more discreet to the eye, it’s a pain to install and it breaks way too easily for my taste. But I thought it would really look better for this kind of dress, and I’m happy with my choice.

As you might have seen in my sneak peek post, I also made a petticoat to go underneath this dress. I thought a petticoat would play up the vintage feel of this dress and would make it look more elegant for this special occasion, except… I now know that I don’t like the look of petticoats on me, AT ALL! This thing took a lot of time and patience to make, and I must thank Ela of Elochka for giving me a private mini tutorial on its construction; I doubt I’ll ever wear it again, but I’m glad I got to try it on. At least, now I know.

All in all, I’m really happy about this dress and I can’t wait to have a real event to wear it to! If you want to make it for yourself (petticoat included) the kit is available here. To be completely honest, my plan changed after putting the kit together, so I would rather recommend getting the peacock fabric here and the organza for the petticoat here.

Taglia: 8
Modifiche: nessuna sul modello, modificato mentre cucivo (leggere sotto.)
Tessuto: di Minerva Crafts, disponibile qui.

Il progetto di questo mese per il Minerva Blogger Network è un po' più speciale del solito, perché ci è stato chiesto di preparare un outfit da festa per il meet-up di Minerva Crafts che si è svolto la settimana scorsa. Sono tristissima di non essere riuscita ad andare, ma cucire un bel vestitino mi ha aiutato a mettermi del mood della festa :)

Dopo luuunghe, luunghe riflessioni per scegliere che abito fare, ho deciso di optare per il modello Flora dress di By Hand London. Sono una delle poche blogger che non è stata invitata a testare questo modello (sigh, perché?), ma mi sono proprio innamorata del design e delle bellissime versioni viste in rete. Il mio gentile sponsor Indie Stitches mi ha fornito il modello.
Inizialmente, avrei voluto fare la versione con lo scollo alto, ma dopo una telina di prova, ho deciso che era un po' troppo casual per l'occasione, e ho optato per la versione con incrocio, che sta anche meglio sulla mia corporatura.

Ho tagliato la taglia 8 senza apporre modifiche, MA, ovviamente, una volta cucito il corpino, mi sono ritrovata un sacco di eccesso in vita (quasi 8 cm!). E' uno di quei misteri del cucito che mi capitano ogni tanto e non riesco proprio a capire: la telina era praticamente perfetta, c'erano circa 2cm di spazio extra in vita, e pensavo che la maggior parte sarebbe sparita foderando il corpino (il poco restante sarebbe stato mangiato nella zip). Non ho idea di cosa sia successo dalla telina all'abito vero e proprio, perchè ho tagliato attentamente e ho stabilizzato gli scolli per non distorcerli. Probabilmente avrò fatto qualche cavolata con la telina, ma non me lo spiego comunque.

Ad ogni modo, nel momento in cui il corpino era tutto cucito e foderato, ho deciso di stringere i denti e fare quello che non avrei dovuto, ovvero eliminare l'eccesso dalla cucitura del centro dietro (il tempo stringeva e non avevo nemmeno la voglia di smontare tutto). Voi non fatelo mai, per favore! Perché significa che adesso le cuciture del fianco sono spostate verso il dietro e il giro manica dietro è troppo profondo. Ma pazienza!

Il secondo momento di panico mi è arrivato quando mi sono resa conto che per la gonna a ruota serviva un tessuto largo 150cm, e il mio era 140. Ho di nuovo scelto una soluzione da evitare, ovvero di tagliare la gonna nel senso della trama (e non dell'ordito). Con questa fantasia, l'effetto non è estremamente evidente né bruttissimo, perciò alla fine sono contenta della scelta, perché volevo davvero la gonna a ruota. Le pieghe piatte sul davanti sono stupende e danno veramente una marcia in più a una semplice gonna a ruota, mentre gli sfondi piega sul retro non mi fanno impazzire. 

Che altro? Ah, sì! Ho messo una lampo invisibile! Se leggete il mio blog da un po' di tempo, saprete che detesto a dir poco questo tipo di chiusura, perché, seppur più discreta delle lampo normali, non mi piace cucirla e si rompe troppo facilmente. Ma ho pensato che con questo tipo d'abito sarebbe statea meglio, e mi sa che avevo ragione.

Come forse avrete visto nel mio post pre-rivelazione, ho anche cucito una sottogonna da mettere sotto l'abito. Ho pensato che avrebbe giocato bene con il mood vintage di quest'abito e l'avrebbe reso ulteriormente elegante per questa occasione speciale, ma... ho scoperto che non mi piacciono le sottogonne su di me, ma proprio per niente!Ci sono voluti molto tempo e pazienza per cucire questa specie di meringa, e devo ringraziare Ela di Elochka per avermi aiutato con un mini tutorial privato sulla costruzione; dubito che la indosserò mai, ma almeno sono contenta di essermi tolta il dubbio. 

Tutto sommato, sono molto contenta di quest'abito e non vedo l'ora di indossarlo per un'occasione speciale nella "vita reale"!
Se volete cucirlo anche voi, come al solito potete trovare il kit qui; sinceramente, visto che ho fatto parecchie modifiche dopo aver messo insieme il kit, vi raccomanderei piuttosto di acquistare separatamente il tessuto a stampa pavone qui e l'organza per la sottogonna qui.

Minerva Blogger Network: a floral Emery dress


Pattern: Emery dress by Christine Haynes (purchased via Urban Cut).
Size: 6
Alterations: I made a 1,5cm FBA following this brilliant tutorial; lengthened the sleeves by about 4cm.
Fabric: floral cotton lawn and blue polycotton from Minerva Crafts.

As I mentioned in my last post for the Minerva Blogger Network, I wasn’t really over the moon about my last three kits. I put them together with the intention of trying new materials and going a little out of the box, but as it turns out, when you have a deadline and you can’t dedicate too much time to these projects, experimenting is not the best idea. So while putting together the following three kits, I decided to go back to basics: my favourite fabric, cotton (cotton lawn in particular) and my favourite type of garment, dresses.

So, this month, I am presenting you a rather simple dress, but it’s one I am really happy about. I chose an extremely cute floral cotton lawn, which is perfect for Spring, and decided to add a blue contrast collar.

The pattern is used is once again the Emery dress by Christine Haynes, which you've already seen here and here. This pattern is well drafted, simple to make and has great instructions. And it has pockets, too! :D I cut my usual size 6 with a 1,5cm FBA.

There’s not a lot to say about construction, because, as I mentioned, the instructions are pretty straightforward. I particularly like the way the collar is constructed, because it makes it so much easier to have a perfect match at the centre front. The only change I made is that I didn’t line the bodice, so I finished the neckline with self-made bias tape.

As anticipated, this dress might not be earth-shattering, but it fits perfectly in my wardrobe and I feel happy wearing it, which is a win-win.

Finally, a word on my glasses: they're new and they're courtesy of Ozeal Glasses. The pair I chose is a cat eye shape (my favorite) from designer Human Skull, the model is called Amy Red (unfortunately not available at the moment, a similar pair could be this one).
Anyway, the variety on the site is huge, the customer service was great with me, and the glasses themselves are honestly good quality, especially if you consider the price. I think this site is great if you want a spare pair of glasses or want to try a different frame without spending a lot (they also offer free shipping). Recommended! :D

Modello: abito Emery di Christine Haynes (acquistato da Urban Cut).
Taglia: 6
Modifiche: ho aggiunto 1,5cm per il petto seguendo questo fantastico tutorial e ho allungato le maniche di circa 4cm.
Tessuto: cotone floreale e misto cotone blu di Minerva Crafts.

Come avevo accennato nel mio ultimo post per il Minerva Blogger Network, non sono molto soddisfatta dei miei ultimi 3 kit. Quando li ho messi insieme, volevo provare tessuti nuovi e fare delle cose un po' diverse, ma a quanto pare, quando si ha una scadenza al mese e poco tempo da dedicarvi, sperimentare non è la scelta migliore.

Quindi, quando ho creato i successivi 3 kit, ho deciso di tornare alle origini: ho scelto la mia stoffa preferita, il cotone, e il mio capo di abbigliamento preferito, l'abito.

Perciò questo mese vi presento un abitino relativamente semplice, ma del quale sono molto felice. Ho scelto un carinissimo cotone floreale, perfetto per la primavera e ho deciso di aggiungergli un colletto a contrasto.

Il modello che ho usato è ancora una volta l'abito Emery di Christine Haynes, che vi ho già mostrato qui e qui. Si tratta di un modello ben disegnato, semplice da realizzare e che ha delle ottime istruzioni. Ho tagliato la mia solita taglia 6 con una modifica per il seno di 1,5cm.

Non c'è granchè da dire sull'assemblaggio, perchè, come accennato, è piuttosto semplice. Mi piace in particolare come viene cucito il colletto, perchè è semplicissimo farlo combaciare al centro della scollatura.
L'unico cambiamento che ho fatto è stato di non foderare il corpino, e di rifinire la scollatura con dello sbieco fatto in casa.

Come ho detto, non è un abito rivoluzionario, ma si integra perfettamente nel mio guardaroba e mi indossarlo mi rende felice, perciò è una vittoria su tutti i fronti.

Infine, due parole sui miei occhiali. Sono nuovi e mi sono stati mandati da Ozeal Glasses. Quelli che ho scelto io sono il modello Amy Red del designer Human Skull (purtroppo non disponibili al momento, ma questi sono simili).
Questo sito offre una varietà enorme di scelta, il servizio clienti è stato fantastico con me e gli occhiali sono di buona qualità, specialmente se si considera il prezzo.
Penso sia un'ottima risorsa se siete alla ricerca di un paio di occhiali di riserva o se volete provare una montatura diversa senza spendere un capitale (la spedizione è addirittura gratuita). Raccomandato! :D 

Minerva Blogger Network: Bow Shirt


Pattern: Bow Shirt by Ralph Pink
Size: I'm not sure! Should be a UK12
Alterations: I used the sleeves of the Sureau dress by Deer and Doe
Fabric: cream chiffon with polka dots and black cotton poplin available on Minerva Crafts (unfortunately, the chiffon is sold out)

Guys, there's so much frustration behind these photos, you can't even imagine.

As I explained in my post for the Minerva Blogger Network, this blouse wasn't my March project, but my April project.
What happened to my March project, you ask? Well, it was supposed to be a mid-season boyfriend coat, made using the ever-so-popular Gérard coat by République du Chiffon, but I disliked the result so much that I ended up asking Vicki of Minerva Crafts if I could just not show it. I want to stress the fact that the pattern was absolutely fine (although extremely time consuming to tape together, trace and add seam allowance to), but it just doesn't look right on me. Also, the fabric looked terrible... I should have ordered swatches.

Anyway, back to the shirt... There's plenty of drama there as well.
First of all, of course I didn't make a muslin! Stupid me, trying a new pattern from a new designer, I almost slapped myself when I had all my fabric cut and I realized the armholes and sleeves were completely wrong for me. My solution, as written above, was to simply cut the sleeves of the Sureau dress and praying that would work. Thankfully, it did.

Second reason for drama: the fabrics I chose are too different in weight. That means the bow is too heavy and bulky and I had to tack it in place or it would flop around.

Finally, I'm not sure about this bow at all. The first time I tried the shirt on, I really hated how it looked; now I do a bit less, but I still think the proportions are not right for my body. The section in the middle is too large, and the body of the bow is maybe too small, and the result is that my bust looks... weird in this shirt.

A few more words on this pattern, since it seems like there aren't many reviews on Ralph Pink patterns around the web.
First of all, I really hated that the pattern is multi-size, but you can only print one size at the time. That means there's less taping to do and that you can skip tracing, but it's very inconvenient for someone like me, whose measurements never fall in just one size.
Another thing I hated is that the size guide is only available online; of course you can save it and print it or consult it offline, but I find it absurd that it's not included in the pattern.
And one last thing: the size is not marked on the pattern pieces! That's why I'm not exactly sure which size I even printed out. Silly me, I should have noted that down, but it's something I usually take for granted...

One more thing to note is that the seam allowance for these patterns is 1cm (3/8"); I don't have any strong feeling about this. It was just unfortunate in this case, because I didn't increase it before cutting my fabric and was unable to use french seams for the shirt, which would have looked better with the chiffon.
One big plus for this pattern are the instructions, though: detailed, fully and clearly illustrated, just great all over.
If I sum all these aspects to the price (9.99£ = 12€), which is not cheap for a pdf, I don't know if I'll try other pattern from this designer...
What's your experience with Ralph Pink patterns? Have you tried them? Do you want to?

In conclusion, lots of drama surrounded this shirt, which means I kinda hate it right know and am very torn on what to do with it: keep it as is and hopefully like it more when the drama dies down, or remove the bow and make it perfectly wearable (although a little dull)?
What should I do?


Modello: Camicia con fiocco di Ralph Pink
Taglia: Non sono sicura! Dovrebbe essere una UK12
Modifiche: Non ho utilizzato le maniche del modello ma quelle dell'abito Sureau di Deer and Doe
Tessuto: Chiffon color crema a pois e popeline di cotone nero, disponibili su Minerva Crafts (purtroppo, lo chiffon è esaurito)

Ragazze, non avete idea di quanta frustrazione si nasconde dietro queste innocenti foto...

Come ho spiegato nel mio post per il Minerva Blogger Network, questa camicetta doveva essere il mio progetto di aprile, e non di marzo.

Cos'è successo al progetto di marzo, chiedete? Beh, doveva essere una giacca di mezza stagione in stile boyfriend, fatta con il modello Gérard di République du Chiffon, ma è venuta così male, ma così male, che ho finito per chiedere a Vicki di Minerva Crafts se potessi evitare di mostrarlo. Giusto per essere chiara, il modello in sé non ha niente di male (se non che ci vuole una vita per assemblarlo, copiarlo ed aggiungere i margini di cucitura), ma non me lo vedevo proprio addosso. Inoltre, la stoffa era orrenda... avrei dovuto ordinarne un campione.

Ma comunque, torniamo alla camicetta. C'è un bel po' di dramma anche qui.
Prima di tutto, non ho fatto una prova! Che cretina, con un modello nuovo di un designer mai provato! Mi sarei presa a schiaffi quando mi sono accorta che giromanica e maniche erano completamente sbagliate per me, dopo aver ormai tagliato la stoffa! La mia soluzione, come scritto all'inizio del post, è stata di tagliare le maniche del (santo) abito Sureau di Deer and Doe e pregare che funzionasse... e così è stato, per fortuna!

Seconda fonte di drammi: i tessuti utilizzati hanno pesi troppo diversi. Il che signica che il fiocco è troppo spesso e pesante e l'ho dovuto fermare con dei punti a mano perchè stesse al suo posto.

Infine, questo fiocco non mi convince affatto. La prima volta che ho provato la camicetta, non mi è piaciuto proprio per niente. Adesso lo odio un po' meno, ma penso comunque che le proporzioni siano sbagliate per il mio corpo. La parte in mezzo è troppo larga e le "orecchie" del fiocco sono troppo piccole per dare un effetto armonico con il mio petto.

Vorrei spendere ancora qualche parola su questo modello, visto che le recensioni di modelli Ralph Pink sembrano inesistenti sulla rete.
Innanzitutto, ho veramente detestato il fatto che il modello fosse multitaglia, ma che si potesse stampare solo una taglia per volta. Ovviamente, questo significa meno fogli da incollare e che i pezzi non hanno bisogno di essere tracciati, ma è un sistema scomodissimo per chi come me non corrisponde a una taglia sola.
Un'altra cosa che non mi è piaciuta, è che la guida alle taglie è disponibile solo online. Ovviamente la si può salvare e stampare o consultare offline, ma trovo assurdo che non sia inclusa nel modello.
E in ultimo: la taglia non è marcata sui pezzi del modello! Per questo motivo non sono sicurissima della taglia che ho stampato. Ovviamente sono stata sciocca a non annotarmelo da qualche parte, ma sinceramente è un'informazione che dò per scontata.

Un'altra cosa da notare è che i margini di cucitura per questi modelli sono di 1cm. Questa cosa non mi piace o dispiace particolarmente, anche se in questo caso mi è andata male, perchè non ho aggiunto margine prima di tagliare la stoffa e non ho potuto fare le cuciture all'inglese che sarebbero andate meglio con lo chiffon.
Una grossa nota di merito per questo modello va data alle istruzioni: chiare, complete, ben illustrate... Soddisfacenti sotto tutti i punti di vista.
Sommando tutti questi aspetti ed aggiungendo il prezzo del modello (9.99£ = 12€), non esattamente economico per un pdf, la mia voglia di provare altri modelli di questo designer non è alle stelle.
Che esperienza avete voi con Ralph Pink? Avete provato i suoi modelli? Li vorreste provare?

In conclusione, questa camicia è circondata da un sacco di drammi, il che mi rende difficile apprezzarla, ora come ora. Sono molto indecisa sul da farsi: la lascio così, sperando che mi piaccia una volta che la mia frustrazione sia passata, o rimuovo il fiocco, rendendola perfettamente portabile (ma un po' noiosa)?
Cosa dovrei fare?

Minerva Blogger Network: Belladone dress with heart cut-out

Pattern: Deer and Doe's Belladone dress.
Size: size 38 at the shoulders, 40 at the waist and 42 at the hips.
Alterations: transformed the back using this tutorial from the Deer and Doe blog.
Fabric: cotton poplin from Minerva Crafts (can be found in this kit).

Ugh, this post was supposed to go live last Friday... I mean, I had the perfect dress for Valentine's day, right?
But that's one thing I have yet to learn after three years of blogging: write posts ahead of time, when you can, because life will get in the way just when you really want to post something.

Anyways, it's not Valentine's day anymore, but I don't love this dress any less!
I've actually wanted to make this variation of Belladone ever since it appeared on the Deer and Doe blog last year, and since we recently translated that post for the English blog, Valentine's day was the perfect excuse to finally try it.

I don't think I need to spend many words on Belladone, I made it three times before (1, 2 and 3) and it's still one of my favorite patterns ever. I could happily live with a wardrobe full of just Bleuets and Belladones, seriously. Anyway, more details on construction are here.

Another thing I love about this dress is the two rows of lace on the skirt. I never think about trims for my handmade clothes, but they can add such a beautiful little touch!

What else? Oh, yes! I wanted the cut out to stand out against my skin in these photos, but I didn't have any top with a back neckline low enough, so I just wore a knit bolero backwards, which worked for the photos but would be incredibly uncomfortable for real life. So, I'm on the lookout for a top, a t-shirt, or even better a leotard with long sleeves and a low (but bra-friendly) back; so far, I only came across dance wear tops, that leave the back completely bare. If you guys know of any (European) shop that has what I'm looking for, I'd really appreciate your help! :)


Modello: Abito Belladone di Deer and Doe
Taglia: taglia 38 per spalle e petto, 40 per la vita e 42 per i fianchi.
Modifiche: trasformato il corpino dietro utilizzando questo tutorial.
Tessuto: popeline di cotone di Minerva Crafts (potete trovarlo in questo kit).

Mannaggia, questo post doveva essere pubblicato venerdì scorso... Cioè, avevo il vestito perfetto per S.Valentino, no?
Questa è una lezione che ancora non ho imparato dopo 3 anni di blog: scrivi i post in anticipo, sei hai tempo, perché a volte la vita si mette in mezzo proprio al momento in cui vuoi assolutamente pubblicare qualcosa. 

Ad ogni modo, non è più S. Valentino, ma amo comunque moltissimo quest'abito!
Volevo provare questa variazione dell'abito Belladone da quando è apparsa sul blog di Deer and Doe l'anno scorso, e mi è tornata in mente di recente quando abbiamo tradotto il post per la versione inglese del blog, perciò S.Valentino era la scusa perfetta per metterla in pratica.

Non ho più molto da dire sul modello Belladone, avendolo già fatto altre 3 volte (12 e 3), se non che è ancora tra i miei modelli preferiti. Sarei felicissima se nel mio armadio ci fossero solo Bleuet e Belladone, davvero. Ad ogni modo, potete trovare più dettagli sull'abito qui.

Un'altra cosa che amo di quest'abito sono le due righe di pizzo in fondo alla gonna. Non penso mai alle passamanerie quando cucio, ma a volte anche facendone un uso molto discreto, fanno proprio la differenza.

Cos'altro? Ah, sì! Per queste foto volevo che il dettaglio cut-out sulla schiena risaltasse contro la pelle, ma non avendo maglie abbastanza scollate, ho indossato un bolero al contrario, cosa che ha funzionato per la foto, ma sarebbe scomodissima per la vita vera. Sono alla disperata ricerca di una maglia, o ancor meglio un body, a maniche lunghe e con la schiena scollata (ma non troppo, che non si veda il reggiseno). Ho trovato solo articoli per danza, con la schiena completamente scoperta e che quindi non fanno per me. Mi sapete aiutare? Grazie! :)

Minerva Blogger Network : My Christmas Emery dress


***Traduzione italiana in fondo al post***

Pattern: Emery dress by Christine Haynes (purchased here).
Size: size 6.
Alterations: did a 1,5cm FBA following this brilliant tutorial; shortened the skirt by about 5cm.

For my December project of the Minerva Blogger Network, I knew I wanted to make the ultimate Christmas dress: red, feminine, possibly with a bow. What can I say, I’m a girl who likes to embrace traditions, especially during the Holidays!

When I put my kit together, I didn’t have a precise idea of the dress I was going to make, but then Christine Haynes released the Emery dress pattern and it was love at first sight.
This pattern was an absolute pleasure to work with. I used size 6 with a 1,5cm (5/8”) FBA and it fits me like a glove.
The instructions are well written and illustrated, and if that's not enough, Christine just had an extensive sew along covering all the steps to make this beautiful dress. 

The tartan fabric was a pleasant surprise as well: although it’s mostly polyester, it was a pleasure to cut, sew, press, and wear as well! It feels very warm and I would absolutely recommend it for both dresses or to make a very cute skirt.
It is a rather bulky fabric, though, so to reduce the bulk of the gathered skirt at the waist seam, I stitched some bias tape on both seam allowances, then I trimmed the skirt seam allowance, and finally I stitched the bias tape to the bodice. This creates a faux waist stay that conceals the seam allowance and reduces the bulk all at once. I've already done this for my Anna dress and I love this little technique. Maybe next time I should take photos and do a mini tutorial?

The only regret I have with this project is that did a terrible job at matching the plaid. Before cutting the fabric I read Lauren’s tutorial and I was like “Yeah, I can do it!”, but I managed to make so many mistakes anyways! The worst being I didn’t center the front bodice correctly… That makes me so mad at myself, how could I not see this? And the skirt back doesn't match either... UGH! I wanted to cry when I stitched the center back seam!
At least I learnt for next time, and a few people told me the print of the dress is busy enough that you don’t notice it too much. I guess it's one of those things that you only see if you have the "trained eye" of a seamstress.

In conclusion, I’m completely in love with dress! I think it’s just perfect for Christmas. Some might find it cheesy, but I like to be dressed with a theme!
If you want to make it for yourself, you can purchase the kit here.